Blog
3 Febbraio 2015
Marianna Martino

Organizzare corsi – Prima parte

Qualche tempo fa, a una conferenza, una donna mi ha chiesto info su uno dei nostri corsi, poi mi ha guardata, con il flyer in mano, e mi ha detto:

“Beh ma quindi voi cosa fate per i corsi?”

“Ci occupiamo dell’organizzazione”
“Ah, semplicemente di quello…”

Organizzare corsi secondo Zandegù

Non è come lavorare alla NASA, ma quasi

Ecco, io son rimasta proprio male. Perché mi ha fatto capire che per lei era un lavoretto da niente. Ma per Zandegù, organizzare corsi, non è una bazzecola e anzi sta diventando per noi sempre più importante e centrale. Non è nemmeno una cosa facile, tra l’altro, una cosa che chiunque si mette lì e la fa.

Certo, è molto più semplice che assemblare un Rover che va ad esplorare Marte per conto della NASA. Però conosco un sacco di persone che non ci riuscirebbero, perché per organizzare corsi devi sempre avere bene in mente alcune cose e te ne dico almeno 4 (due oggi, due la prossima!):

Le cartelline di Zandegù con le caramelle

1) avere cura di tutto quello che fai

Che, se sei ansioso come me, significa anche che se in bagno manca la carta ce la metti.

Oppure cose meno assurde, come mettere una caramella sulla cartellina di ogni partecipante, scegliere un buon catering per il pranzo, scrivere delle email utili e veloci per dare il benvenuto ai corsisti, salutarli con gioia quando arrivano e quando escono, ricordarsi i loro nomi e cosa fanno, metterci impegno che poi si vede.

2) devi voler bene alla gente: indistintamente.

Perché magari non riescono a scaricare il modulo, hanno caldo, hanno freddo, non trovano il bagno, arrivano tardi al corso.

E perché, soprattutto, li senti ridere da dietro la porta e vuol dire che il corso sta andando bene, si ricordano il tuo nome e ti chiedono come stai, ti dicono che la lezione è andata alla grande, portano i pasticcini, hanno trovato te e proprio te nel mare magnum di corsi in circolazione, perché ti hanno scelto (a volte prendendo pure un aereo per venire a Torino), perché si fidano di te e ti danno millemila ore del loro tempo e vogliono imparare proprio grazie a te e tu sai che è un dono prezioso che ti fanno e lo devi tenere con cura.

Ecco, io non so se tutti sono capaci di fare queste 2 cose qui. Le altre le vediamo nel prossimo post! Stay tuna!

Dai, iscriviti alla nostra newsletter

Cose nostre very buffe coi post del blog + news su corsi, ebook, eventi, sconti