Blog
15 Marzo 2019
Marianna Martino

Graphic novel e fumetti per principianti

[Fino a domenica 18/3, sconto del 20% sul corso La distopia con Violetta Bellocchio con il codice DISTOPIAPORTAMIVIA]

Tu che ci segui assiduamente sai bene come noi di Zandegù abbiamo, da qualche tempo, iniziato a interessarci al mondo dell’illustrazione. Da un lato gli eventi come la maratona di disegno di Wonder Wall, o i corsi legati al disegno, con docenti bravoni come Ilaria Urbinati, Fernando Cobelo, Davide Bonazzi; dall’altro un interesse personale, che ci ha portato più volte a saccheggiare la nostra galleria di fiducia Caracol, alla ricerca di illustrazioni e opere originali.

Nonostante questa attrazione fatale, c’è però una parte di questo mondo, sempre legata al disegno, che ci è sempre stata un po’ oscura. Stiamo parlando di fumetto e graphic novel.

Graphic novel e fumetto: colmiamo un po’ di lacune

Marianna è cresciuta con i manga giapponesi: Ranma ½, Sailor Moon, Paradise Kiss. Lei stessa ammette, però, di non aver mai letto una graphic novel in vita sua.

Io (che poi sarei Marco!), al contrario, non sono mai stato particolarmente attratto dai manga, né dai fumetti americani in stile Marvel. Sono passato direttamente da Topolino e Lupo Alberto alle graphic novel di Daniel Clowes, Graig Thompson, Gipi, o alle opere di graphic journalism di Joe Sacco, Marjane Satrapi e Guy Delisle.

Per dipanare quindi le nebbie che ci avvolgono come la pianura padana a dicembre e per colmare qualche lacuna, oggi abbiamo invitato in diretta da noi Lucia Biagi, titolare, da 9 anni, insieme al suo compagno Alessio Marchetti, della fumetteria Belleville Comics di Torino.

Fare rete

Uno dei consigli che ci ha dato Lucia (poi arrivano le liste, GIURO!) lo vogliamo mettere in neretto, perché è anche un nostro mantra: per sopravvivere bisogna fare rete. Ecco che quindi Belleville collabora periodicamente con locali torinesi come il Blah blah o con il Circolo dei Lettori, vere e proprie istituzioni in città. E ancora, Belleville mette in cantiere progetti di promozione della piccola editoria, riuscendo a vincere bandi pubblici e organizzare presentazioni con autori internazionali (segui la loro pagina Facebook, perché ad aprile e maggio ci saranno tre incontri imperdibili in collaborazione con gli editori Add, Diabolo e 001).

Così si fa e così si dovrebbe fare sempre di più, mettendo da parte gelosie e diffidenze e predisponendosi alla collaborazione con le realtà che più si ammirano. Noi di Zandegù lo abbiamo capito con un po’ di ritardo, ma da qualche anno ci crediamo ciecamente: unire le forze, paga.

Tempo di liste (meglio di Nick Hornby)

E ora, in pieno stile Alta fedeltà, ecco una lista con i consigli di Lucia per chi si vuole avvicinare alle graphic novels:

  • Patience, di Daniel Clowes (autore di Ghostworld, per dirne uno), equilibrio perfetto tra surrealismo, intimismo e un pizzico di fantascienza, una graphic novel ideale per avvicinarsi a questo mondo.
  • Love and Rockets, di Jaime e Mario Hernandez, una pietra miliare del fumetto indie, attitudine punk in bianco e nero puro, imperdibile.
  • Sabrina, di Nick Drnaso, più sperimentale degli altri due dal punto di vista grafico, è stato acclamata come una delle migliori opere contemporanee nel suo genere.
  • Tramezzino, di Paolo Bacilieri, storico collaboratore di Bonelli, ha pubblicato quest’opera in formato molto grande, ambientando una storia d’amore tra le architetture milanesi.

 

Ed ecco la lista per chi si vuole avvicinare ai fumetti giapponesi:

  • Allevare un cane e altri racconti, di Jiro Taniguchi, a metà tra stile orientale e occidentale, super poetico e nostalgico, con racconti a volte strazianti nella loro bellezza.
  • Solanin, di Inio Asano, storia in due volumi che racconta la vita dei giovani nel Giappone contemporaneo, alle prese con i cambiamenti nella società nipponica, le incertezze economiche e le relazioni amorose.
  • L’uomo senza talento, di Yoshiharu Tsuge, storie di vita quotidiana, pietra miliare del Gekiga, genere che racconta storie drammatiche di vita quotidiana, raccontate in maniera molto fredda, quasi in contrapposizione con l’attitudine più da intrattenimento tipica dei manga.

Dai, iscriviti alla nostra newsletter

Cose nostre very buffe coi post del blog + news su corsi, ebook, eventi, sconti

Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy