Blog
23 Luglio 2020
Marianna Martino

Cose da vedere e ascoltare questa estate

Ci siamo! Siamo arrivati all’ultimo post, prima della pausa estiva. Poi, ci rileggeremo a metà settembre.

In questo periodo sai cosa ci piacerebbe fare? NIENTE! Ahahah! Vogliamo fare pennichelle, prendere il sole, camminare, nuotare, mangiare come maiali e stare in panciolle davanti alla Tv o con le cuffie nelle orecchie.

Se anche tu vorresti sottoscrivere questo programma, ecco un post più leggero del solito con qualche consiglio di cose belle, di valore e scritte bene su film, serie Tv e dischi da vedere e ascoltare in questa estate 2020.

I consigli di Marianna

Free solo

È un documentario del 2018 che trovi su Disney+ e racconta la storia dello scalatore Alex Honnold che si prepara a scalare El Capitan, nel parco dello Yosemite in California. El Cap, come viene chiamato dagli amici, è tipo una parate inviolabile, verticale, senza quasi un appiglio, con punti dove ti tieni per i POLLICI (non è un’esagerazione) e Alex vuole scalarla in free climbing, cioè senza corde. Se cade non finisce bene, insomma.

Il documentario (immagina anche la difficoltà di documentare un’impresa del genere) è adrenalinico, spaventoso, pieno di tensione ma dà anche una carica pazzesca: la concentrazione, la determinazione, la metodicità con cui Alex si allena sono impressionanti. Ti prego: guardalo!

I may destroy you

Scritta, prodotta e interpretata dalla talentuosa Michaela Coel (britannica, classe 1987), per me è la serie più bella vista quest’anno. Parla di Arabella, una influencer londinese che sta per pubblicare un romanzo per una grande casa editrice. Intorno a lei, i suoi due amici Kwame e Terry. Non ti dico di più, perché qualunque cosa sarebbe spoiler. Posso però dirti che sono 12 puntate da circa 30 minuti l’una e che la serie ruota intorno al sesso, alla violenza, all’aborto, alle relazioni, all’omosessualità, alle molestie, alle app di dating. È una serie durissima, femminista nell’accezione migliore, lontana da quelle cazzatelle ispirazionali con le frasi di Frida Kahlo, ma con pugni in piena faccia che ti fanno rabbrividire a ogni puntata. Per me è una specie di Fleabag senza l’assurdo, gli sguardi in camera e lo humor. O meglio: si sorride anche in I may destroy you, ma in modo amaro. Si riflette soprattutto. Da vedere. Ora.

I consigli di Marco

Io ti consiglio due serie fantascientifiche, diversissime tra loro.

Upload

La prima è Upload, 10 episodi su Amazon Prime. La storia è ambientata in un futuro non troppo lontano da noi e il succo della faccenda è questo: quando muori, se hai abbastanza dinero, puoi essere “uploadato” in una specie di aldilà digitale. Questo oltretomba virtuale ha l’aspetto di un albergo di lusso affacciato su un lago in mezzo ai boschi, in cui i defunti, divisi in vari piani spaziali, passano il loro tempo tra grandi mangiate e varie attività ludiche che li tengono impegnati. All’apparenza questa vita oltre la morte sembra essere paradisiaca, ma non tardano ad affiorare elementi misteriosi che coinvolgono il protagonista, il belloccio Nathan, morto prematuramente in un incidente automobilistico. Nonostante si parli di gente schiattata, il tono è sempre leggero e non mancano momenti grotteschi che strappano risate.

Tales from the loop

Qui si fa sul serio. In un villaggio dell’Ohio, più simile però a una repubblica sovietica, è attivo un laboratorio sotterraneo (il Loop, appunto) in cui si conducono misteriosi esperimenti sullo spazio-tempo, che si ripercuotono sulle vite degli abitanti, stravolgendone l’esistenza. Otto episodi (autoconclusivi, ma collegati) su Prime. Tra le cose molto belle c’è sicuramente l’ambientazione, fatta di gigantesche costruzioni industriali, robot e macchinari misteriosi disseminati nei boschi e un’atmosfera generale davvero intrigante. Gli episodi hanno tutti una vena malinconica, decadente, tristarella quasi. Se vuoi farti un’idea più precisa del mood, dai un’occhiata alle opere dell’artista Simon Stålenhag, a cui la serie si ispira.

I consigli di Enrico

The Beths – Jump Rope Gazers

Il quartetto di giovani sorridenti da Auckand, nella Covid-free Nuova Zelanda, torna con un secondo album pieno di melodie appiccicose, chitarre anni ’90 e coretti che Brian Wilson dei Beach Boys starà applaudendo fortissimo. Un album estivo da viaggi in auto con il finestrino abbassato, per chi ha bisogno di un po’ di spensieratezza con retrogusto malinconico.

Charli XCX – How I’m Feeling Right Now

Cantautrice inglese classe 1992, Charlotte Emma Aitchison è ormai un’icona pop da classifica. Con quest’ultimo How I’m Feeling Right Now, album interamente scritto durante le 6 settimane di quarantena della scorsa primavera, Charli ha sfidato se stessa e il suo pubblico a ritmo di elettropop danzereccio il giusto, ma mai cafone e con una certa profondità. Le discoteche saranno anche chiuse, ma questa è la colonna sonora perfetta per ballare in casa!

SAULT – Untitled (Black Is)

56 minuti di nuova musica black, nera come la copertina e come la dichiarazione d’intenti più che puntuale di questa band/collettivo inglese, anonima tanto quanto Liberato. No, non è trap: quello di Untitled (Black Is) è groove terapeutico, un disco eterogeneo e ricco di collaborazioni, sperimentale, ma assolutamente alla portata di qualsiasi orecchio nel mischiare dub, gospel, reggae, afrobeat, funk, soul. La migliore soundtrack possibile del movimento Black Lives Matter.

I consigli di Alessandro

Tom Misch & Yussef Dayes – What Kinda Music

La nuova scuola jazz incontra le sonorità hip hop e R&B. Un album elegante, mai noioso, perfetto per le birrette della sera.

Baths – Pop Music / False B-Sides II

Seconda raccolta per Will Wiesenfeld aka Baths. Elettronica e tanta melodia. Le atmosfere degli American Football con i suoni dei Postal Service. È l’ideale da ascoltare con le cuffiette tornando dalla spiaggia al tramonto.

***

Bene, siamo arrivati alla fine di questo post. Spero davvero questi suggerimenti ti piacciano. Li conoscevi già? Cosa ne pensi? Li guarderai/ascolterai? Taggaci su Instagram @zandegu_ e facci sapere la tua opinione.

Noi ci leggiamo a settembre! Intanto buona estate e un abbraccio fortissimo da tutti noi!

Dai, iscriviti alla nostra newsletter

Cose nostre very buffe coi post del blog + news su corsi, ebook, eventi, sconti